Ti trovi su Home » Archivio: Giugno 2019

Archivio del Giugno, 2019

    
Il banchetto di Agostino Chigi
Pubblicato il 28-06-2019

Il ricchissimo banchiere senese Agostino Chigi organizzò nella villa fastosi ricevimenti e banchetti durante i quali faceva gettare nel Tevere i piatti d’argento che poi i servi recuperavano dalle reti predisposte nelle acque del fiume.

Uno splendido banchetto fu organizzato al papa Leone X in ambienti con pareti ricoperte di arazzi e con il pavimento nascosto da pregiati tappeti. Il papa rimproverò l’ospite per l’eccessivo sfarzo, ma quello rispose che la sua devota amicizia verso il pontefice era invece dimostrata dalla modestia del luogo e sollevò arazzi e tappeti mettendo a nudo le sue stalle.

    
Le Ottobrate
Pubblicato il 21-06-2019

Erano la festa del vino. Moderne discendenti degli antichissimi Baccanali, i misteri dionisiaci celebrati dai pagani in onore di Bacco a ottobre, il mese consacrato alla vendemmia. Tra balli e canti, sfociavano nell’orgia. Misteri sacroprofani questi Baccanali diventarono nella Roma cristiana e pontificia le feste popolari tra le vigne suburbane e le osterie “fuori porta”.

Si organizzavano in allegre brigate il giovedì e la domenica d’ottobre, partendo dai diversi rioni della città, a piedi o sulle cartelle, le carrozze tirate da due focosi cavalli bardati e tintinnanti di sonagliere. Un ritrovo classico delle ottobrate era Testaccio, ai “prati del popolo romano”.

    
Gli americani liberano Roma
Pubblicato il 14-06-2019

La mattina del 5 giugno 1944 i romani incontrarono la libertà che veniva da porta San Giovanni e da Porta Maggiore. Essa non s’adornava di pennacchi piumati di bersaglieri, ma rideva dalle grandi e semplici facce dei soldati americani, cui presto si aggiunsero altri volti di ogni colore insieme a quelli dei carabinieri italiani.

Gli alleati mettevano in fuga i tedeschi, che la sera prima avevano compiuto il loro ultimo ed inutile eccidio, fucilando sulla via Cassia, in località La Storta, 13 persone. Sembrava che tutto il mondo si fosse dato appuntamento a Roma per celebrare il più bel trionfo di tutti i tempi.