Ti trovi su Home » Archivio: Settembre 2019

Archivio del Settembre, 2019

    
La confessione di Lorenza
Pubblicato il 27-09-2019

Il 28 luglio 1789, la moglie di Cagliostro, la devota Lorenza, si recò nella chiesa di Santa Caterina della Rota per confessarsi. Il parroco, però, trascrisse parola per parola i “peccati” riferiti dalla donna e li inoltrò alla Curia.

Cagliostro venne arrestato e imprigionato a Castel Sant’Angelo, dove venne sbattuto nella stessa cella di Giordano Bruno e Tommaso Campanella: un buco con un pagliericcio abitato da una legione di vermi e il pavimento ricoperto da un esercito di topi. Tuttavia il veggente riuscì a non ammalarsi. Morirà molto più tardi nel Castello di San Leo.

    
Via dei Prefetti
Pubblicato il 20-09-2019

E’ soprattutto la via dei Prefetti a rievocare un lungo periodo di storia medievale: quella dominata dalla potente famiglia dei Prefetti di Vico che riuscirono a mantenere nel loro casato dal 1297 al 1445 la dispotica carica di “prefetti ” della città in nome del papa lontano (prima vagante nel Lazio, poi esule ad Avignone).

    
La Presa del Quirinale dal Re d’Italia
Pubblicato il 13-09-2019

La presa di possesso del palazzo del Quirinale, dal 1575 residenza ufficiale dei papi, in nome del re d’Italia Vittorio Emanuele II della famiglia Savoia, avvenne la sera dell’8 novembre 1870 da parte del generale Lamarmora e fu una seconda breccia di Porta Pia. Avvenne infatti abbattendo le porte, perché il segretario di Stato, il cardinale Antonelli, rifiutò di consegnare le chiavi.

Il re arrivò a Roma solo un mese dopo. E il palazzo del Quirinale divenne la sede ufficiale della famiglia Savoia.

    
Feste giacobine
Pubblicato il 06-09-2019

Dopo l’avvento dei Bonaparte, le feste di Carnevale cambiano sede, dai palazzi dei nobili alle case della borghesia emergente. Durante il Carnevale del 1802, in casa del conte Bolognetti, di dà un banchetto in cui, come gioco carnescialesco, ogni ospite è invitato a presentarsi con una preparazione gastronomica.

Nasce quasi certamente da quello scherzo, la simpatica abitudine moderna delle riunioni amichevoli in cui ciascuno porta qualcosa.