Ti trovi su Home » Archivio categoria 'Ponti'

Archivio della Categoria ‘Ponti’

    
Gli incidenti nell’anno santo
Pubblicato il 14-09-2018

Il 1450 fu un drammatico anno santo. Il 18 settembre centinaia di pellegrini diretti a San Pietro affollavano il ponte Sant’Angelo. Il ponte era sempre stato il percorso principale per arrivare al Vaticano dai tempi di Bonifacio VIII (e i ponti romani erano sempre stati famosi per la loro solidità).

La persona responsabile della tragedia, non voluta, fu il famoso cardinal Pietro Bembo, che cercava di farsi largo sul ponte a cavallo di un mulo. Le urla e l’agitazione della folla eccitarono irrimediabilmente lo scalpitante mulo che cominciò a creare il panico. La pressione fu enorme e i parapetti del ponte cedettero: centinaia di persone precipitarono nell’acqua gelida del Tevere. 172 persone morirono.

    
La Battaglia di Ponte Milvio
Pubblicato il 08-12-2017

Eliminato nel 310 Massimiano, del quale aveva sposato la figlia Fausta, e morto Galerio l’anno dopo, Costantino nel 312 scese in Italia e sconfisse e uccise Massenzio a Roma nella battaglia di Ponte Milvio, battaglia alla quale è legata la leggenda della visione della Croce con la scritta “In hoc signo vinces”.

All’indomani della vittoria su Massenzio, Costantino concederà, con l’Editto di Milano, la libertà di culto al cristianesimo, avviando una politica di unificazione religiosa su basi rinnovate e ritenute capaci di dare una nuova solidità alla costruzione imperiale.

    
La prima esposizione di teste
Pubblicato il 15-09-2017

Tra le tante notizie storiche pervenute, ce n’è una che ricorda il ponte Sant’Angelo come luogo adatto per esporvi, tra il 1480 e il 1500, i cadaveri dei condannati a morte, perché tutti potessero vedere e meditare prima di turbare la quiete cittadina, operando con la violenza e il delitto.

Durante l’anno santo del 1500 ebbe luogo la prima “esposizione” e pare che ben 18 impiccati furono appesi sul ponte, nove per ogni ingresso. E non finì lì. Altre forche e altre teste mozzate erano all’ordine del giorno, tanto che in seno al popolo nacque il commento proverbiale: “Ce so’ più teste mozze su le spallette, che meloni al mercato”.

    
Chiude la pista ciclabile Ponte Milvio-Castel Giubileo
Pubblicato il 13-11-2007

Lo ha deciso il presidente del XX Municipio, vista l’insicurezza di quel percorso grazie alla presenza di campi rom.

Se da una parte la decisione, che ha sollevato polemiche nell’assessore alla sicurezza (il cui ruolo e la cui utilità ancora non ho capito, vista la delinquenza che dilaga sotto ogni forma a Roma), presenta un lato positivo, in quanto i cittadini non rischieranno più di essere massacrati a bastonate e derubati, dall’altra fa sorridere, poiché questa chiusura sottolinea ancora una volta l’inefficienza e l’incompetenza dell’amministrazione pubblica di Roma.

Dal momento che non si è in grado, o non si vuol essere in grado, di fronteggiare il pericolo dei rom, dal momento che nessuno ha ancora capito che queste persone, che vivono al margine della civiltà e della legalità, se ne infischiano delle leggi italiane e della vita del prossimo, come hanno ampiamente dimostrato nel corso degli anni, dei decenni anzi, a Roma e in Italia, allora si preferisce chiudere una struttura, interrompere un servizio di pubblica utilità, togliere ai romani un bene, perché quella struttura, quel servizio di pubblica utilità, quel bene si trova vicino ad illegali e abusivi accampamenti rom!

Non era più semplice, più logico, più giusto sbaraccare quei campi, o mettere personale fisso di vigilanza, visto che Roma abbonda di carabinieri, poliziotti e vigili urbani. Una volta tanto, anziché fare rappresentanza, i signori delle forze dell’ordine avrebbero fatto un lavoro per il quale sono pagati: vigilare sulla sicurezza dei cittadini.

Ancora una volta Roma è privata di qualcosa, ancora una volta i romani pagano lo scotto del cavallo di Troia che anni or sono politici senza senno hanno accolto come una risorsa per l’intero paese.