Ti trovi su Home » Archivio categoria 'Storia di Roma'

Archivio della Categoria ‘Storia di Roma’

    
L’assassinio di Teresa Gullace
Pubblicato il 12-04-2019

Centinaia di donne si raccolgono davanti alle caserme di viale Giulio Cesare per chiedere la liberazione degli uomini che sono stati rastrellati per le strade della città e che vi si trovano rinchiusi.

I tedeschi sparano su una donna di nome Teresa Gullace, madre di cinque figli e in attesa del sesto, e la uccidono.

    
Il Carnevale dei Bonaparte
Pubblicato il 05-04-2019

Quando l’armata francese durante il Carnevale del 1798, al comando di Giuseppe Bonaparte, si posiziona a Monte Mario, il Papa, prima di ordinare lo sgombero della fortezza di castel Sant’Angelo, pensa di addolcire il nemico spedendogli in dono “…40 bottiglie di vino, una vitella mongana e 1 storione”.

Ma il potere temporale della Chiesa è ormai travolto. Gli ebrei del ghetto, in pieno Carnevale, innalzano davanti alla sinagoga l’albero della libertà accompagnato da una lauta distribuzione gratuita di vino e rinfreschi.

    
Un nuovo porto per Roma
Pubblicato il 08-02-2019

Nel 42 d.C. l’imperatore Claudio, per ovviare al fenomeno di insabbiamento del porto di Ostia, promosse di scavare un nuovo bacino portuale a nord della foce del Tevere. La scelta fu criticata dai tecnici del tempo proprio perché l’insabbiamento causato dai detriti fluviali era maggiore sul lato scelto.

Il porto fu terminato dopo la morte di Claudio, sotto Nerone, e venne chiamato “portus ostiensis”. Le obiezioni degli esperti ben presto si dimostrarono fondate.

Fu l’imperatore Traiano a promuovere nel 106 un progetto grandioso per un secondo bacino portuale, interno e più riparato, dalla forma perfettamente esagonale. L’inaugurazione avvenne nel 113.

    
Inaugurazione della prima stazione radio
Pubblicato il 11-01-2019

Il Centro Trasmittente Marconi, in viale Pio XI, fu fatto costruire dall’omonimo papa per dotare la Città del Vaticano di una stazione radio di potenza tale che potesse assicurarle indipendenza.

Il primo impianto fu costruito su progetto di Guglielmo Marconi dalla società Marconi di Londra e venne inaugurato il 12 febbraio 1931 alla presenza del pontefice e dello scienziato.

    
La morte di Torquato Tasso
Pubblicato il 14-12-2018

Annesso alla chiesa di Sant’Onofrio, al Gianicolo, vi è il convento omonimo nel quale Torquato Tasso, il grande poeta della “Gerusalemme liberata”, visse gli ultimi anni della sua vita e morì.

La chiesa ha tre campane e la più piccola è detta Campana del Tasso, perché accompagnò gli ultimi momenti di vita del poeta, seguitando a suonare fino alla morte avvenuta il 25 aprile 1595 (il Tasso venne poi sepolto nella prima cappella di sinistra della chiesa).