Ti trovi su Home » Archivio categoria 'Stornelli romani'

Archivio della Categoria ‘Stornelli romani’

    
La Festa de Noantri
Pubblicato il 21-09-2018

E’ la festa di Trastevere ovvero dei trasteverini, qualificati come “noantri” in opposizione ai “voantri” che sono quelli degli altri rioni, e sembra che il termine si sia originato da una frase detta da un trasteverino a un “bullo” di un altro rione che nella calca della festa infastidiva una bella trasteverina: “Che ne diressivo voantri si noantri quanno venissimo alle feste de voantri ce comportassimo come ve comportate voantri alla festa de noantri?“.

Si svolge per otto giorni da sabato precedente la ricorrenza della Madonna del Carmine, che cade il 16 luglio, e in onore della quale nel pomeriggio del primo giorno dei festeggiamenti si ha una grande processione con la statua della Madonna trasportata dalla chiesa di Sant’Agata alla basilica di San Crisogono, dove resta per l’ottavario dell’adorazione.

    
La prima Pasquinata storica
Pubblicato il 29-09-2017

La prima pasquinata datata risale al 13 agosto 1501 ed è indirizzata contro Alessandro VI, papa Borgia. Con mordace ambiguità fa riferimento allo stemma papale su cui era raffigurato un toro che spilluzzica un covone d’orzo: “Praedixi tibi, papa bos quod esses”. A seconda di come si sposta la virgola se ne può dare una triplice interpretazione: Ti predissi che saresti un papa bue; Ti predissi, o papa, che saresti un bue; Ti predissi, o bue, che saresti papa.

    
Welfare
Pubblicato il 26-11-2007

Ma ce lo sai che mo’ in Italia
c’avemo ‘n antro servizio sociale?
Solo che pe’ dillo ce vo’ ‘na balia,
sì, c’ha un nome che sona male,

Che nun riesco manco a pronuncia’!
“Ma parli del Welfare?” me fece
uno che de parole stranee ne sa.
“Quello è più fico dell’artri, me fa spece

Che nun l’apprezzi. Mo’ te spiego
come funziona, c’è poco da capi’.
Quer servizio sociale, nun lo nego,
nun serve pe’ assiste’ o pe’ garanti’

Diritti e curtura ar popolo italiano.
Quer servizio è ‘n’antra trovata
della casta de’ porci che inciuciano
ar Parlamento, ‘na grande cazzata

Pe’ capisse, serve a fa’ figura
cor popolino ‘gnorante che se convince
che j’hanno creato ‘n’antra struttura
all’avanguardia. Nun è ‘na lince

Er popolino, se sa. S’è sempre fatto
frega’ dalle belle frasi, da parole
in inglish che nasconnono er misfatto
o da quelle nove che se rivelano sòle.

Adesso c’hai un servizio novo novo,
co’ un nome fico che t’ammalia.
Che vòi de più?” E’ che nun me ce ritrovo.
Ma che te devo di’? Viva l’Italia!