Ti trovi su Home » Archivio: Aprile 2019

Archivio del Aprile, 2019

    
I numeri di fra’ Pacifico
Pubblicato il 26-04-2019

Durante l’Ottocento, la Chiesa di Santa Maria della Concezione, o dei Cappuccini, era famosa per fra’ Pacifico, un converso dal magico potere di rivelare i numeri vincenti al lotto. Un flusso costante di inveterati giocatori riempiva costantemente la chiesa, fino a quando papa Gregorio XVI fu costretto ad intervenire, proibendogli di esercitare i suoi poteri e mandandolo via da Roma.

Accompagnato da una folla di ammiratori fino a piazza del Popolo, qui con abile gioco di parole, il frate riuscì a dar loro altri cinque numeri vincenti. La frase fu: “Roma se santa sei/ perché crudel se’ tanta?/ Se dici che se santa/ certo bugiarda sei”. La cinquina giocata fu: 66-70-16-60-6.

    
La Befana
Pubblicato il 19-04-2019

Come parola la Befana è una contaminazione dell’Epifania, festa religiosa cristiana che rievoca l’offerta dei doni dei magi al Bambino Gesù nella grotta di Betlemme. Ma la Befana, che viene festeggiata il 6 gennaio, è un personaggio tutto pagano, che è venuto assumendo l’aspetto di una vecchia strega a simbolo della natura rinsecchita, la “comare secca” alla quale si dà addosso in effigie, bruciandola o segandola, non prima che abbia però dato dolci, regali e fichi secchi, i cui semi sparsi le garantiscono una rinascita per l’anno seguente.

La Befana all’interno di una baracca tiene mercato per i “befanari”, che sono i genitori dei bambini, e il mercato, che un tempo avveniva nelle piazze di Sant’Eustachio e dei Cappellari, dalla fine dell’Ottocento si è spostato a piazza Navona.

    
L’assassinio di Teresa Gullace
Pubblicato il 12-04-2019

Centinaia di donne si raccolgono davanti alle caserme di viale Giulio Cesare per chiedere la liberazione degli uomini che sono stati rastrellati per le strade della città e che vi si trovano rinchiusi.

I tedeschi sparano su una donna di nome Teresa Gullace, madre di cinque figli e in attesa del sesto, e la uccidono.

    
Il Carnevale dei Bonaparte
Pubblicato il 05-04-2019

Quando l’armata francese durante il Carnevale del 1798, al comando di Giuseppe Bonaparte, si posiziona a Monte Mario, il Papa, prima di ordinare lo sgombero della fortezza di castel Sant’Angelo, pensa di addolcire il nemico spedendogli in dono “…40 bottiglie di vino, una vitella mongana e 1 storione”.

Ma il potere temporale della Chiesa è ormai travolto. Gli ebrei del ghetto, in pieno Carnevale, innalzano davanti alla sinagoga l’albero della libertà accompagnato da una lauta distribuzione gratuita di vino e rinfreschi.