Ti trovi su Home » Fotografie di Roma » Foto del Parco di Colle Oppio - Roma vissuta

Galleria fotografica dello stato di abbandono in cui versa il Parco di Colle Oppio. Le foto sono state scattate il 3 novembre 2007.

Clicca sulle immagini per vederle a grandezza maggiore (800×600).

Fontana a Colle Oppio Colonne a Colle Oppio Gente senza fissa dimora a Colle Oppio
Fontana del periodo del Ventennio, si riconoscono i 3 fasci littori distrutti dall’iconoclastia fascista dopo la fine del conflitto. Erbacce, sporcizia e scritte di vandali la deturpano. Tutte le fontane di questa serie sono nelle medesime condizioni, se non peggiori. Colonna romana deturpata da una serie di scritte di vandali, senza contare il cestino dei rifiuti che potrebbe trovarsi in un altro punto. Gente senza fissa dimora dorme e bivacca sulle panchine. Il parco è pieno di stranieri che restano a dormire al suo interno, nonostante il cartello all’entrata riporti l’orario delle visite dalle 6,30 alle 23,30.
Fontana del Canestro a Colle Oppio Fontana a Colle Oppio Strada a Colle Oppio
Lo stato di abbandono della Fontana del Canestro, a pianta ottagonale. E’ così da almeno 40 anni. Sporcizia e soprattuto scritte sui muri ne minano la bellezza e la storia. Fontanella adiacente alla Fontana del Canestro. Poggia su uno strato dissestato di asfalto e sampietrini, dovuto al tempo e alle radici dei pini. Sullo sfondo le immancabili firme dei balordi che scarabocchiano ovunque. Una delle stradine che portano verso la Domus Aurea. I sampietrini stanno cedendo il posto al terriccio e alle erbacce, rendendo il passaggio per nulla agevole ed offrendo un’immagine di estrema trascuratezza.
Strada a Colle Oppio Dormitorio a Colle Oppio Entrata del dormitorio a Colle Oppio
Questa stradina porta ai confini del parco, oltre si erge la figura maestosa del Colosseo, una delle meraviglie del mondo. L’erbaccia sta prendendo il sopravvento sul terriccio della strada, accompagnata da buste e cartacce e altri rifiuti. Un dormitorio all’interno del parco. E’ situato in una zona recintata, entrando nel parco sulla sinistra. Materassi e vestiti ben piegati sotto l’arco. Il recinto non ha certo fermato gli immigrati senza fissa dimora… L’entrata del dormitorio: la rete di recinzione è stata staccata e poi piegata all’esterno, per permettere ai senzatetto di entrare. Ovviamente nessun controllo viene effettuato nella zona.