Ti trovi su Home » Eventi » Il vero volto del concerto del Primo Maggio - Roma vissuta
Pubblicato in Eventi il 02-05-2007

L’ormai famoso concerto del Primo Maggio, che si tiene nella bella Piazza di San Giovanni a Roma, Concerto primo maggionon è soltanto un evento musicale, e quindi culturale, che accomuna giovani e meno giovani per festeggiare la festività del lavoro, ma anche un modo, un pretesto anzi, per sfogare la propria vena delinquenziale ai danni della città di Roma, delle infrastrutture, delle istituzioni e dei mezzi pubblici e quindi della intera società. Un pretesto per non rispettare la città che ospita e dona, per sporcare le sue strade, per distruggere e rovinare.

Così alcuni delinquenti partiti da Reggio Calabria hanno interamente distrutto i vagoni di un treno, irritati perché hanno dovuto pagare il biglietto… forse gli era dovuto, chissà, vai a capire cosa passa per la testa vuota dei delinquenti. Prima di entrare alla Stazione Termini hanno tirato il freno di emergenza e si sono dati alla fuga. Danni per centinaia di migliaia di euro.

Il 2 maggio, il giorno dopo il concerto, la bella Piazza San Giovanni, dove si erge la Basilica, è un tripudio di immondizia, cartaccia, buste, bottiglie e quant’altro, le scritte sui muri aumentano e chi deve pulire sono gli operatori ecologici e chi ne fa le spese è Roma. Roma che ha ospitato, Roma dei romani e degli italiani, Roma di chi ha pagato le tasse.

Il concerto del Primo Maggio non è più sinonimo di musica e cultura, non è l’evento dell’anno istituito a celebrazione della festa del lavoro, perché mentre gli ignoranti festeggiano, altri, il giorno dopo, dovranno lavorare il doppio. Alti dovranno spendere il doppio. Altri dovranno guardare lo sporco lasciato in terra. Il concerto del Primo Maggio non è solo musica del mentre, non è solo la bella attesa del sabato del villaggio, è anche e soprattutto lo sporco e il danno del dopo. La fine, la conclusione, l’ultima nota che sfugge dal palco salutano la rovina e il degrado. Perché la vera festa è quella che finisce nel sorriso, nel rispetto del padrone di casa, non nella tristezza di una città calpestata.

Ogni anno la storia si ripete, aveva ragione Machiavelli. Ma non si impara dalla storia, si continua a dare perle ai porci, a sacrificare le bellezze storico-artistiche di Roma in nome del divertimento.

La foto è stata concessa da 06blog.it.

Commenti pubblicati:
4 Commenti sul "Il vero volto del concerto del Primo Maggio"
Romina il 15-05-2007 alle 15:59 #

Il 18 giugno a Piazza San Giovanni si svolgerà il Gay Pride. Hai capito tra due Basiliche (S.Croce e S.Giovanni) si ritroveranno tette e culi al vento e checche vestite da baldracche. Se fossi gay il gay-pride NON mi rappresenterebbe


Daniele il 15-05-2007 alle 16:02 #

Per me è e resterà sempre una pagliacciata, che non dovrebbe essere ammessa per decenza.


ZonaLais il 18-05-2007 alle 15:44 #

Io guarderei anche il Dopo Family-Day:
http://magazineroma.it/2007/05/piazza-san-giovanni-in-una-sera-di-maggio

Ma non per dire che è lo stesso del primo maggio (i danni al treno sono stati fatti da delinquenti che poco assommano al primo maggio) ma per evitare di sparare sentenze circa sporco e doppi lavori.
Che Roma, economicamente, non possa più permettersi certe kermesse è fuor di dubbio, però cerchiamo, se veramente amiamo questa città, di essere costruttivi.
I politici passano la città resta e certe sparate non aiutano la città.
ZonaLais


Daniele il 18-05-2007 alle 20:17 #

Anche il dopo Family Day è lo stesso, certamente.
Roma economicamente potrebbe permettersi certi eventi, se il suo sindaco non sperperasse i soldi pubblici inutilmente, anziché spenderli in sicurezza, controlli e organizzazione.


Pubblica un commento

Nome: 
Email: 
URL: 
Commenti: