Ti trovi su Home » Storia di Roma » Il censimento delle prostitute - Roma vissuta
Pubblicato in Storia di Roma il 24-04-2020

Precisa testimonianza dell’entità numerica delle prostitute, sotto il pontificato di Clemente VII, la si rinviene nella Descriptio Urbis o Censimento Gnoli del 1526. Quasi non esiste pagina in cui non vengano registrate prostitute, facilmente riconoscibili dal nome e dal luogo di provenienza: Pantasilea aretina, Lucretia da Bologna, Claudia francesa, Leonarda portuguesa, Regina tedesca.

Altre donne erano identificate con nome patronimico e dall’aggettivo vedova, nubile oppure dall’arte esercitata: Zanina scoparola, Magdala albergatrice. Qualche volta il mestiere esercitato copriva l’effettiva attività di prostituta più remunerativa.

Pubblica un commento

Nome: 
Email: 
URL: 
Commenti: