Ti trovi su Home » Stornelli romani » Welfare - Roma vissuta
Pubblicato in Stornelli romani il 26-11-2007

Ma ce lo sai che mo’ in Italia
c’avemo ‘n antro servizio sociale?
Solo che pe’ dillo ce vo’ ‘na balia,
sì, c’ha un nome che sona male,

Che nun riesco manco a pronuncia’!
“Ma parli del Welfare?” me fece
uno che de parole stranee ne sa.
“Quello è più fico dell’artri, me fa spece

Che nun l’apprezzi. Mo’ te spiego
come funziona, c’è poco da capi’.
Quer servizio sociale, nun lo nego,
nun serve pe’ assiste’ o pe’ garanti’

Diritti e curtura ar popolo italiano.
Quer servizio è ‘n’antra trovata
della casta de’ porci che inciuciano
ar Parlamento, ‘na grande cazzata

Pe’ capisse, serve a fa’ figura
cor popolino ‘gnorante che se convince
che j’hanno creato ‘n’antra struttura
all’avanguardia. Nun è ‘na lince

Er popolino, se sa. S’è sempre fatto
frega’ dalle belle frasi, da parole
in inglish che nasconnono er misfatto
o da quelle nove che se rivelano sòle.

Adesso c’hai un servizio novo novo,
co’ un nome fico che t’ammalia.
Che vòi de più?” E’ che nun me ce ritrovo.
Ma che te devo di’? Viva l’Italia!

Commenti pubblicati:
1 Commento sul "Welfare"
Albert1 il 27-11-2007 alle 17:38 #

Quanno vedo che ner monno, puro ancora ai ggiorni nostri, co’ le rogne che ce stanno e davanti a tanti mostri,
C’è quarcuno che se ‘mpegna, co’ li tasti o colla penna, a cantà dell’infamate de ‘sta classe che ce regna,
Ecco er core che me s’apre, e ‘n soriso che me sale:
C’è chi ancora cià ‘na testa, e la usa. Menomale!

Complimenti vivissimi a Daniele per il “cantico” 🙂

CLAPCLAPCLAPCLAP!


Pubblica un commento

Nome: 
Email: 
URL: 
Commenti: