Ti trovi su Home » Storia di Roma, Tradizioni » L'arrivo dell'elefante Annone - Roma vissuta
Pubblicato in Storia di Roma, Tradizioni il 22-06-2018

Dai tempi dell’impero non si vedeva più un elefante a Roma. Eppure ne arrivò uno bellissimo il 12 marzo 1514 alla corte di Leone X come dono di Emanuele, re del Portogallo. In una corte pontificia stravagante come quella di papa Medici, Annone, così venne chiamato l’animale, divenne il beniamino.

Era di una intelligenza straordinaria e sapeva ballare come pochi al suono dei pifferi. Annone morì nel 1517 di angina e fu sepolto in una torre presso un ingresso del Vaticano con tanto di lapide incisa da Raffaello (distrutte). Ma l’immagine di Annone fu immortalata nella fontana del giardino di Villa Madama e in quello dei mostri a Bomarzo.

Pubblica un commento

Nome: 
Email: 
URL: 
Commenti: