Ti trovi su Home
Pubblicato in Stornelli romani il 10-07-2020

“L’ottavario del catechismo”, scritta da Giuseppe Gioachino Belli, grande poeta romano, per il 30 marzo 1835, racconta con il solito guizzo ferocemente beffardo, cosa succedeva negli ultimi otto giorni di quaresima. In parecchie chiese si usava fare la predica per spiegare il catechismo, ma, da allora fino all’avemaria si chiudevano, con sua somma tristezza, le […]

    
Ti trovi su Home
Pubblicato in Chiese e Basiliche, Tradizioni il 03-07-2020

Per San Valentino, vale la pena fare una passeggiata nella zona dell’antico Foro Boario, dove spicca la chiesa di Santa Maria in Cosmedin, che nel suo portico conserva la famosa Bocca della Verità. E quello della “verità” potrebbe diventare un gioco divertente per gli innamorati. Si tratta di una grossa pietra circolare raffigurante la testa […]

    
Ti trovi su Home
Pubblicato in Delinquenza a Roma, Tradizioni il 26-06-2020

La passatella, tipico gioco da osteria di fine Ottocento, passatempo preferito dei bulli di Roma, aveva un suo cerimoniale aulico, imbottito di battute satiriche e allusioni sferzanti, che mandavano in bestia i permalosissimi bulli oggetto di scherno da parte dei rivali. Nella Passatella si riversavano antichi rancori e rivalità, per cui il Padrone e il […]

    
Ti trovi su Home
Pubblicato in Piazze il 19-06-2020

Una delle piazze più belle al mondo deve la sua forma stretta e allungata allo Stadio di Domiziano sul quale gradualmente è stata edificata. Lo stadio, inaugurato nell’86 d.C. dal terzo imperatore della dinastia Flavia, era destinato solo a giochi atletici (gli Agoni Capitolini). Dopo il suo declino cominciato nel quinto secolo, l’arena, conosciuta come […]

    
Ti trovi su Home
Pubblicato in Stornelli romani il 12-06-2020

Giggi Zanazzo, grande poeta erede del Belli nel testimoniare usi e costumi del popolo romano, racconta come si trascorreva la domenica successiva alla Pasqua e alla Pasquetta: La dimenica appresso de la Pasqua, co’ la somma che ciarimaneva de li sòrdi che ogni festàrola aveva cacciati, s’annava a fa’ un’antra scarozzata p’er Corso, e si […]