Ti trovi su Home » Stornelli romani » Er lunedì de Pasqua (Zanazzo) - Roma vissuta
Pubblicato in Stornelli romani il 11-09-2020

Giggi Zanazzo, erede del Belli nel documentare le tradizioni romane, racconta il pellegrinaggio alla madonna del Divino Amore, metà ricorrente del lunedì di Pasqua:

A la Madonna der Divin’Amore ce se va er lunedì de Pasqua.
E de solito ciannaveno sortanto che le femmine.
Ecco anticamente com’era l’uso.
La mattina abbonora se montava in carozza, s’annava a pija er caffè ar Caffè de piazza Morgana, e poi se partiva p’er Divin’Amore che stà a sette mija fòra de porta San Giuvanni a la tenuta de Caster de Leva.
Arivati là, se sentiva prima de tutto la messa; e dopo èssese goduti tutti li gran miracoli che allora faceva la Madonna, come stroppi che buttaveno le strampèlle, cèchi che ce vedeveno in sur subbito, regazze indemoniate che vommitaveno er demonio, donne affatturate che vommitaveno trecce de capelli, s’annava in de le baracche a fa’ colazzione, e doppo èssese infiorate bene bene la testa, er petto, li cappelli, le testiere de li cavalli, co’ li tremolanti e le rose, se partiva per Arbano.

Pubblica un commento

Nome: 
Email: 
URL: 
Commenti: